L’affollamento visivo o effetto crowding nello spartito musicale

Pubblicato il Lascia un commento

La dislessia è un termine che definisce una disabilità, ovvero un’abilità non efficiente, compromessa o addirittura molto ridotta. Questa condizione però inerisce in senso lato all’apprendimento, all’incontro col mondo, alla sua visione, alla sua elaborazione. La definizione di dislessia quindi, o scarsa lettura, restringe in modo implicito il campo di riflessione sulle effettive difficoltà che […]

L’importanza dello scopo

Pubblicato il Lascia un commento

E’ importante evidenziare la differenza tra imitazione e risonanza morfica. La chiave di volta tra i due approcci consiste nell’esistenza di uno scopo per il quale l’azione è concepita. Quest’obiettivo può essere declinato in molte maniere: competitivo, assertivo, identificativo. Le qualità elencate ineriscono soprattutto a una disposizione mentale congeniale alla classica visione egocentrica, intesa da […]

La mappa musicale: dall’analogico al digitale e viceversa

Pubblicato il Lascia un commento

La lettura, verbo sensibile all’argomento dislessia, è un’esperienza intesa genericamente di decifrazione e di transcodifica: riporta cioè al mondo della comprensione tutto quello che gli è stato “tolto” riducendolo a un cumulo di segni o caratteri molto spesso non immediatamente intuibili. Il rapporto con il segno grafico quindi è di natura digitale, si parla infatti […]

DSA: una svolta nell’apprendimento?

Pubblicato il Lascia un commento

“Volere è potere”: questa è la pietra filosofale e fondante di tutto l’edificio sociale e culturale occidentale. In campo educativo però questo detto assiomatico deresponsabilizza l’insegnante dal suo mandato: chiedersi cioè quale sia il suo limite o quello dell’allievo per poter operare una strategia pedagogica necessariamente più “invogliante”. Se infatti il vissuto dello studente inizia […]

La Musica aiuta il ricordo

Pubblicato il 1 commento

Tutto cominciò con le Muse Per fare scuola o educazione, come diceva Don Milani, è importante preoccuparsi di come “bisogna essere”. Questo viatico di consapevolezza ha un punto di origine che va al di là di ricette esclusivamente pragmatiche, illusioni di facilità pedagogiche improponibili alla varietà degli utenti in gioco, ma che fa emergere delle […]