Nuove pubblicazioni

Lettura musicale con le Tessere ritmiche – Riconoscere i valori ritmici senza contare

Educazione Musicale Inclusiva

L’esempio è sicuramente uno dei migliori insegnamenti. Con lo strumento didattico fornito in questo libro sarà possibile esercitare ed acquisire la scrittura ritmica senza fatica e divertendosi. L’allievo stesso chiederà di praticarla, vivendola e scoprendola come un’attitudine personale; facendola emergere dall’esperienza con i giochi contenuti e descritti nell’opera.
Crediamo che l’innesco di un percorso musicale inclusivo sarà più efficiente e duraturo negli allievi se crescerà da un seme che già possiedono. A loro, dobbiamo solo insegnare a vederlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettura musicale con CARTE DA GIOCO – Volume II – Per tastiera, Ottave basse e alte, diesis e bemolli

Educazione Musicale Inclusiva

la Lettura Musicale con le CARTE DA GIOCO prosegue e completa il suo percorso con questo secondo volume, al termine del quale l’allievo sarà in grado di leggere le note musicali con facilità e immediatezza in chiave di SOL e di FA, in quattro ottave consecutive[1] nei suoni naturali, e in due in quelli alterati: diesis e bemolli[2].

Lo scopo del metodo è imparare a leggere da soli, con facilità e in breve tempo, tutte le note musicali che normalmente s’incontrano in uno spartito di medio livello, in modo analogico e immediato. Ciò è sicuramente molto gratificante per qualsiasi allievo e alleggerisce e rassicura l’insegnante sull’indipendenza dello studio a casa.

Autonomia e motivazione sono oggi le vere sfide da sostenere nella didattica. Crediamo di aver iniziato una svolta decisiva con questo strumento che vi auguriamo di usare proficuamente, anche con il vostro divertimento.

È possibile seminare la facilità e dare a tutti la possibilità di imparare con gioia!

 

 

 

Lettura musicale con SFIDA ALLE CARTE DA GIOCO

Educazione musicale inclusiva

Il gioco proposto in questo metodo di lettura musicale s’inserisce con piacere nel tempo della lezione: l’insegnante e l’allievo si ritrovano insieme a risolvere combinazioni con le carte da gioco, sempre più avvincenti e in una sfida coinvolgente. Ma non solo. L’allievo allenerà senza fatica la sua memoria e attenzione durante l’attività e potenzierà cosi queste risorse cognitive utili a tutto il suo percorso didattico; potrà giocare anche da solo, esercitandosi a casa, e imparare a riconoscere le note musicali non sarà mai stato più stimolante, facile, e divertente.

Consigliato per: scuola primaria, secondaria di primo grado e corsi di strumento musicale.

È possibile seminare la facilità e dare a tutti la possibilità di imparare con gioia!

 

 

 

 

 

 

Lettura musicale con CARTE DA GIOCO – Per tastiera  

Educazione Musicale Inclusiva

Gli strumenti di un’educazione musicale inclusiva devono essere semplici, efficaci e motivanti.  Quest’opera inizia l’allievo alla lettura musicale, perseguendo queste direttrici con immediatezza e articolando il tempo della lezione con attività ludiche finalizzate alla sua autonomia. Solo così, infatti, lo spartito musicale diventerà familiare, un aiuto nello studio a casa, e non solo un compito da
assolvere.

Le carte da gioco e le attività descritte nel libro condurranno l’allievo a una veloce confidenza con la notazione musicale e a una conseguente automatizzazione della lettura allo strumento musicale. Anche gli studenti più esperti beneficeranno del metodo migliorando la loro lettura a prima vista. E chi fa più fatica a causa di un disturbo di apprendimento (DSA), lo potrà compensare senza tediose ripetizioni, divertendosi in un’esperienza dove il benessere dell’allievo e dell’insegnante s’incontrano.

È possibile seminare la facilità e dare a tutti la possibilità d’imparare con gioia!

 

 

 

 

Lettura musicale con CARTE DA GIOCO – Per chitarra  

Educazione Musicale Inclusiva

Lo strumento metodologico contenuto in questo libro prevede l’acquisizione della lettura e della nominazione delle note scritte alla chitarra, scoprendole con piacere in esperienze ludiche ecoinvolgenti. Così, gli insegnanti di educazione musicale nelle classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado, potranno migliorare queste competenze senza cadere nella semplice e tediosa ripetizione delle informazioni da apprendere. E i maestri di chitarra svolgeranno una didattica ancora più efficace, conducendo l’allievo a suonaree a leggere la musica spontaneamente, senza fatica. Gli allievi più avanzati potranno altresì misurare la destrezza della loro lettura musicale in un contesto davvero divertente, sfidante e costruttivo. L’esperienza musicale sarà quindirealmente inclusiva e aperta a tutti gli stili di apprendimento, anche in presenza di un suo disturbo (DSA).